Da non perdere
Home » Varie » Il linguaggio dei fiori

Il linguaggio dei fiori

Proprio come il bianco viene utilizzato per la sposa al matrimonio ed il nero viene utilizzato quando qualcuno di molto ci lascia per andare in oltre cielo, anche i fiori hanno un significato celato, che nasconde la loro vera identità e che perviene in situazioni ed eventi ben precisi e tra loro variegati. I fiori sono capaci di accompagnare sempre un’emozione: riceverne uno e donarne cento rappresenta un gesto semplice, ma pregnante di senso, il quale viene trasmesso attraverso una forte bellezza. Il significato di una singola specie varia in base alla sua forma, al suo movimento, al colore e, dato più importante, al suo odore, che è caratteristica dominante di ogni fiore. Ringraziare un amico, il proprio amante, la propria madre o semplicemente un amico che non c’è più, con il semplice dono di uno stelo culminante con petali colorati, è il giusto modo per esprimere la gioia che si cela dentro attraverso forme semplice e tratte dalla natura.

L’agrifoglio

A Natale si corre, si va in giro per negozi e si cerca continuamente la confezione ideale per il nostro pacco speciale: l’agrifoglio, con le sue foglie pungenti è l’ideale per mazzetti, composizioni floreali e scatole regalo. Per le festività di fine anno, rappresenta un vero e proprio augurio che porta fortuna e caccia via le cattive tensioni. Questo fiore nasconde in se il significato di difesa, precauzione ma, soprattutto di eternità, perché in passato offriva protezione e rifugio dai malvagi e dalle tormente. Alcune popolazioni tribali come i Druidi, lo utilizzavano per cacciare gli spiriti maligni e che Plinio il Vecchio, nel primo secolo a.C, invitò i suoi servi a piantare numerose piante di agrifoglio fuori dalla sua casa per dare il ben servito a personalità con cattive intenzioni.

L’anemone

Uno dei fiori che, senza ombra di dubbio, propone un significato profondo e sentimentale è l’anemone: delicatissimo fiore dell’aria il cui nome deriva dal greco “anemos”, che significa appunto vento, a causa della sua fragilità e breve durata di vita. Nella misura in cui ci sentiamo abbandonati da qualcuno che è andato via non per sua volontà, ma perché il caso ha voluto che andasse così, il significato attribuito a questo fragile fiore è quello che meglio può esprimere la nostra interiorità, ricca del senso di abbandono. Quando purtroppo viviamo la sepoltura di una persona a noi cara, Funerali Roma, un’impresa funebre consultabile dal sito https://www.funeraliroma.it/sepoltura.htm, sa qual è il giusto modo per salutare qualcuno: attraverso la semplicità di un dono bello e prezioso, come quello di un fiore. L’anemone però cela al suo interno anche un secondo significato, quello di speranza e di attesa, proprio di chi non si arrende e persiste di fronte al dolore.