Da non perdere
Home » Turismo » Turismo, Roma alla conquista del mercato cinese

Turismo, Roma alla conquista del mercato cinese

Roma vuole conquistare il mercato turistico cinese e, allo stesso tempo, rinsaldare la percezione di essere una destinazione ben collegata alla Cina e una perfetta porta di accesso al resto d’Italia. Dunque, la Capitale ha tutte le intenzioni di costruirsi un’immagine sicura di sé, accogliente e anche molto attenta alle esigenze, molto specifiche, del turista cinese, sia che si tratti di un viaggio di lavoro che di piacere. Da qui la missione romana e laziale a Shanghai in occasione della fiera internazionale del turismo Itb China.

Turismo, l’importanza della Cina nel mondo

Oggi la Cina è il più vasto mercato turistico sia come valori di spesa che numero di viaggi all’estero. Per questo riuscire a intercettare i flussi cinesi è una sfida da portare a termine, sia per Roma che per l’Italia. Il nostro Paese infatti è un’eccellenza in Europa per il mercato cinese, proprio grazie alla fortissima attrattività di Roma e al traffico generato dall’aeroporto Leonardo Da Vinci, sia per lavoro che per piacere. Occorre, allora, potenziare ulteriormente questo specifico segmento turistico, per riuscire ad aumentare la permanenza dei turisti, spesso anche molto giovani e iper-tecnologici. L’Italia è un paese dei sogni per loro ed è bene non deludere nessuna aspettativa.

I rapporti tra Italia e Cina

Dunque anche intensificare i rapporti Italia-Cina da un punto di vista diplomatico ed economico può essere strategico per promuovere Roma come meta turistica, soprattutto dopo la certificazione Welcome Chinese ottenuta dal Colosseo e un sistema più integrato e attento di guide turistiche. Ecco allora che un hotel 3 stelle a Roma, come il Floris Hotel, può diventare il luogo giusto anche per un turista esigente come quello cinese.

Roma come destinazione ideale

Roma viene considerata una città sicura a livello internazionale ed è tra le mete più desiderate al mondo. Inoltre, la facilità con è possibile raggiungere l’aeroporto direttamente dalla Cina, con rotte e compagnie senza scalo agevola moltissimo i nuovi flussi turistici. In effetti, per una maggiore attrazione del turismo cinese è strategico il ruolo degli aeroporti di Roma e, soprattutto, dell’aeroporto Leonardo Da Vinci. Proprio per questo 2019 è previsto un boom di passeggeri in arrivo e in partenza per la Cina, con un aumento del flusso del 20% rispetto al 2018. L’obiettivo è abbattere la soglia dei 900mila passeggeri entro dicembre 2019. Proprio in questi mesi, inoltre, ci sono nuovi collegamenti diretti con Hangzhou, Shenzhen e Chengdu, tanto da aver fatto guadagnare all’aeroporto romano Leonardo da Vinci il titolo di “Welcome Chinese Airport.